Stuck in the (not) mom(ent)

Welcome to the land where unicorns don't fly


Lascia un commento

Tutto congiura contro di me

Ho iniziato l’anno pensando di esserci riuscita. Avevo il ciclo in ritardo, mai successo. Sintomi: nessuno, ma ciclo in ritardo di una settimana e temperatura basale alta. Poi, facendo bene i conti, vedo che avevo semplicemente avuto un’ovulazione in ritardo e quindi tutto è slittato in avanti. Che va bene, non c’è problema. Però se una è abituata ad avere cicli brevi di 26/27 giorni, qualche illusione se la fa (illusione subito smentita dal test negativo).

Quello che mi stupisce è che io sono sempre stata regolare e adesso, che voglio un figlio, mi succedono questi ritardi. O mi viene lo spotting premestruale. Ma insomma! Tutto congiura contro di me! Il mio corpo ha deciso di prendermi in giro, di farmi credere di essere incinta quando non lo sono. E intanto i mesi passano.

Leggendo in giro per la rete e sui libri di gravidanza che ho in casa ho visto che, per le coppie con la donna di età superiore a 35 anni, si parla di infertilità già dopo sei mesi di rapporti non protetti e non dopo un anno come normalmente avviene. Ho provato a parlarne con altre donne e tutte hanno smentito questa cosa, dicendo che è meglio aspettare un anno, che non ci si deve angosciare o stressare inutilmente. Ma io non sono stressata: sono semplicemente razionale e preparata. Da un punto di vista logico mi sembra giusto indagare già dopo sei mesi per togliersi il dubbio che ci sia qualcosa che non va. Se avessi 30 anni, aspettare un anno vorrebbe dire 31 e ancora molto tempo davanti. Ma alla mia età, un anno è molto. Un anno vuol dire avvicinarsi ai 40 e quindi perché aspettare? Non capisco queste paure. Alla fine, se è tutto a posto non c’è niente da temere e se c’è qualche problema di infertilità meglio saperlo adesso che nel 2011, no? Prima si sa, prima si agisce.

Ulteriori informazioni: Perché non riesco a rimanere incinta?, Registro Nazionale Procreazione Medicalmente Assistita


Lascia un commento

Test di gravidanza

Anche concepire ha un costo! Io, per esempio, in questi tre mesi di strani sintomi e spotting premestruale (fenomeno inusuale che mi ha illusa), avrò fatto 4 o 5 test. Siccome al supermercato costano 8/9 euro, che mi sembrano uno sproposito, mi son data da fare per cercare qualcosa di più economico e ho trovato due siti, ovviamente stranieri.

Il primo è Drugstore.com che è utilissimo perché vende un po’ di tutto: medicinali, vitamine, prodotti per la cura personale e l’igiene della casa e, ovviamente, prodotti per la gravidanza e i bambini. E’ interessante perché c’è un’area dedicata ai prodotti ecologici e ai prodotti per vegani, quindi cruelty free. I test di gravidanza sono economici, ma vale la pena ordinare solo se si comprano diversi prodotti perché le spese di spedizione sono altissime.

Il secondo sito è Testforless, che vende test di gravidanza e test di ovulazione. Cercando un po’ in giro ho visto che è un sito affidabile, quindi val la pena di provare. I test sono molto economici e le spese di spedizione sono nulle. Non ho provato ma, se serve, lo farò.


Lascia un commento

Va bene essere nerd, però…

Ieri ho trovato questo utilissimo sito che non solo permette di fare il grafico del proprio ciclo (cosa in realtà possibile anche con un semplice foglio Excel), ma ha anche un sacco di altre opzioni. Ci si registra e si inseriscono i dati: data delle mestruazioni, informazioni sul flusso, temperatura basale, osservazione del muco eccetera. Be’, io mi sono registrata, se non altro perché inserendo ogni giorno il dato della temperatura basale (che avevo iniziato a monitorare per scopi anticoncezionali), il grafico si aggiorna automaticamente e ho sott’occhio tutto l’andamento.

Ma, gli altri dati? Oltre alle cose di cui sopra, relative all’andamento del ciclo e utili per prevedere i giorni fertili, si può anche scendere nei dettagli e comunicare al mondo se si è avuta la diarrea, il mal di pancia, il mal di testa, quali medicine si sono prese, se si è bevuto, se il nostro seno era gonfio e poi, dulcis in fundo, se abbiamo avuto rapporti sessuali. Anzi, volendo proprio cercare di beccare i giorni giusti, il nostro sito ci dà l’indicazione di quando avere rapporti. E’ proprio scritto nero su bianco che, osservando il grafico e leggendo l’analisi, potremo programmare i nostri rapporti nei giorni più fertili.

Ora, non so voi, ma a me programmare i rapporti fa passare la voglia in anticipo. Non che non l’abbia fatto pure io in questi due mesi, ma è stato a causa di forza maggiore (cioè assenza del partner). Se ce l’ho a disposizione, diciamo che preferirei non farmi influenzare così tanto dai calcoli. Mi mette ansia, snatura tutto. L’amore ai tempi del computer? No, grazie. Spengo tutto e vado di là.

Intanto, voi quanto tempo ci avete messo a concepire?